I segni del cuore- Coda di Sian Heder (Oscar 2022, miglior film)

Esiste un bel film tedesco che porta il titolo, oltremodo poetico, di Jenseits der Stille (ovvero: Al di là del silenzio). Il lungometraggio, girato dalla regista Caroline Link nel lontano 1996, ottenne negli anni…

Torino Film Festival (Fuori Concorso): Coda di Sian Heder

Esiste un bel film tedesco che porta il titolo, oltremodo poetico, di Jenseits der Stille (ovvero: Al di là del silenzio). Il lungometraggio, girato dalla regista Caroline Link nel lontano…

Un mondo a parte di Riccardo Milani

 Non si può certo dire che i film, le commedie di Riccardo Milani – a prescindere se piacciano o meno, non importa – manchino di coerenza morale e contenutistica.…

May December di Todd Haynes

Dopo aver attraversato il melodramma nella rivisitazione della sua forma più classica almeno con due titoli – Lontano dal paradiso del 2002 e Carol del 2014 – della sua non…

Race for Glory – Audi vs. Lancia di Stefano Mordini

 A partire da una decina d’anni a questa parte e più precisamente dal bel film di Ron Howard, Rush in cui l’attore tedesco Daniel Brühl interpretava il ruolo di…

American Fiction di Cord Jefferson (Oscar per la migliore sceneggiatura non originale)

La necessità che il cinema americano ha di contenere qualsiasi forma di racconto –  sia le derive critiche della provocazione paradossale che gli approdi di una visione più conservatrice e…

Sotto il segno dei Fratelli Taviani

Il cinema dei fratelli Taviani è stato, forse, il pianto pascoliano del cielo stellato. Ha lasciato intendere, sulla lunga durata di una produzione che affonda le radici negli ultimi bagliori…

Betânia di Marcelo Botta (Festival di Berlino – Panorama)

Con Betânia il quarantenne brasiliano Marcelo Botta debutta nel lungometraggio. Ci sono film d’esordio fulminanti per quanto sono maturi (restando alla storia del cinema italiano, pensiamo a Ossessione, Accattone, I…

Shahid di Narges Kalhor (Festival di Berlino – Forum)

Shahid è una parodia divertente, che usando la tecnica della metafinzione ci avvicina a temi complessi, quali la storia dell’Iran, l’esilio e l’emigrazione, evitando volutamente l’uso di un registro drammatico.…

Averroès et Rosa Parks di Nicolas Philibert (Festival di Berlino – Berlinale Special)

Anche già prima di vincere l’Orso d’oro l’anno scorso qui alla Berlinale con Sur l’Adamant – che finalmente uscirà anche nelle nostre sale il prossimo 11 marzo -, Nicolas Philibert…